Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: I miei sinceri complimenti a Fini

          
    Bookmark and Share
  1. #1

    Predefinito I miei sinceri complimenti a Fini

    Il vicepremier propone anche l'abolizione delle quote
    Fini: diamo il diritto di voto agli immigrati



    Immediata reazione della Lega: se la proposta verrà presentata in Parlamento si andrà alle elezioni anticipate


    ROMA - Una dichiarazione che fa discutere e che ha creato una nuova spaccatura nella maggioranza di governo.
    Il vicepremier e leader di An Gianfranco Fini (Lapresse)
    «I tempi sono maturi per discutere di diritto di voto, almeno amministrativo, per le persone immigrate». Lo ha detto il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini a conclusione della Conferenza sulle politiche europee sull'immigrazione.
    «Al 31 dicembre 2003 - ha spiegato Fini tracciando un bilancio della legge sull'immigrazione - prevediamo almeno 650mila extracomunitari che avranno regolare contratto di lavoro e contributi pagati». E a proposito delle quote d'ingresso degli immigrati, previsto dalla legge Bossi-Fini ha aggiunto: «non escludiamo affatto in futuro, non fra anni ma fra qualche mese, di fare a meno del meccanismo delle quote d'ingresso» e «completata la rete telematica e messa in correlazione domanda e offerta si può pensare di fare entrare in italia, a prescindere dalle quote, tanti lavoratori stranieri quanti saranno i contratti di lavoro».

    LA REAZIONE DELLA LEGA - La proposta di Fini ha scatenato immediatamente la dura reazione della Lega. Reazione ancora più accentuata dopo che autorevoli esponenti dell'Udc, come Bruno Tabacci presidente della Commissione Attività produttive della Camera, si erano detti favorevoli alla proposta di Fini. «Il voto agli immigrati - ha detto Roberto Calderoli, coordinatore delle segreterie della Lega, riferendosi alle aperture che oggi Gianfranco Fini ha fatto sul tema e alle posizioni dell'UDc - non è un tema che fa parte dell'agenda di governo. Se Fini insiste, il governo va a casa». La posizione di Calderoli è rilanciata da Alessandro Cè, capogruppo della Lega alla Camera: «Mi auguro - ha detto - che Fini per questioni di visibilità non voglia andare al voto anticipato».

    «La Costituzione all'articolo 48 garantisce ai cittadini il voto - aggiunge Cè - e i cittadini sono gli italiani.

    Fini dimentica la distinzione tra popolo e popolazione, che si ha, quest'ultima, quando un certo numero di persone risiede su un territorio. Il popolo invece ha un idem sentire in termini di cultura». Il capogruppo della Lega conclude: «Non capisco se Fini voglia fare rumore, casino o se voglia andare ad elezioni anticipate. Le sue dichiarazioni sono poco sagge e poco motivate».


    LA CONTROREPLICA DI FINI - La reazione di Fini al duro attacco della Lega non si è fatta attendere. «Confermo - ha aggiunto Fini - che a mio avviso sono maturi i tempi per discutere del diritto di voto amministrativo per gli immigrati che vivono, lavorano, pagano le tasse in Italia e hanno ottenuto la carta di soggiorno. Sono maturi anche perchè la nuova legge funziona ed ha dimostrato di garantire l'integrazione di centinaia di migliaia di stranieri che lavorano con regolare contratto.

    Integrazione significa parità di diritti e di doveri ed è un obiettivo che il Governo di centrodestra ha sempre tenuto presente insieme a quello della legalità, del giusto rigore verso i clandestini.

    Spero che la Lega dimostri di esserne cosciente: non avere la nazionalità italiana non può voler dire essere cittadini di serie B. Quanto al plauso della sinistra, mi lascia indifferente. È palesemente strumentale se solo si pensa alla caterva di insulti che ha accompagnato la legge 189».
    07 ottobre 2003
    Solo un deficiente perdente tratta diversamente le persone in base al denaro/potere di questi ultimi

    Lealtà, Uguaglianza, Solidarietà, Meritocrazia, Giustizia in un'unica parola: Dio

    Seguici su Twitter: @tradingforumit

    Seguimi su Twitter: @OresteBoccia

  2. #2
    Data registrazione
    16-09-2007
    Residenza
    a' soreta!
    Messaggi
    2,046

    Predefinito

    Allora ha ragione il giornalaio del premier... fini nn è + di destra
    Il mondo sarebbe un posto migliore se la bellezza tornasse ad essere una scelta etica.

    'La speranza ha due figli bellissimi: lo sdegno per le cose come sono e il coraggio per cambiarle' S. Agostino

  3. #3

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da Pensier0 Visualizza messaggio
    Allora ha ragione il giornalaio del premier... fini nn è + di destra

    Essere di destra non significa affatto questo.

    Destra significa Liberalismo, Liberismo, rispetto dei valori cristiani, famiglia.

    Ecco perchè io mi definisco di destra


    Berlusconi e la lega vi risultano che rispettano quei principi?

    Assolutamente no,
    in quanto attuano una politica socialista e anti-liberale, il rispetto per la famiglia e dei valori cristiani meglio non parlarne e poi affermano di essere di destra.

    La speranza è che Gianfranco ha iniziato a far spuntare la sua testa, speriamo per il bene della collettività e soprattutto dei più deboli che tiri fuori gli attributi e pretenda una vera politica di destra.
    Solo un deficiente perdente tratta diversamente le persone in base al denaro/potere di questi ultimi

    Lealtà, Uguaglianza, Solidarietà, Meritocrazia, Giustizia in un'unica parola: Dio

    Seguici su Twitter: @tradingforumit

    Seguimi su Twitter: @OresteBoccia

Bookmarks

Bookmarks

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •