Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123
Visualizzazione risultati 21 fino 27 di 27

Discussione: Banche

          
    Bookmark and Share
  1. #21
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    (ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il presidente dell'Abi, Giuseppe Mussari, si scaglia nuovamente contro la decisione dell'Eba di ripatrimonilizzazione del sistema creditizio: ''quando si commettono errori di questo rilievo senza valutare gli effetti macro di tale esercizio - ha detto - non si puo' tacere: non e' mancanza di rispetto ma si tratta di tutela legittima dell' interesse nazionale''. Mussari ha ribadito che contro la decisione dell'autority europea ''proseguiremo su questa strada con tutti i mezzi a disposizione''.

    13 Dic 16:03

  2. #22
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    Banche italiane, nuovi stress test dall'FMI ...

    Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/ec...-dall-fmi?cp=1
    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

  3. #23
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    itolo: Banche: Visco,basare compensi manager su risultati ottenuti
    Ora: 08/03/2013 11:30
    Testo:
    ROMA (MF-DJ)--"Le politiche di remunerazione vanno riviste, al fine di
    allineare meglio i compensi ai risultati reddituali di lungo periodo,
    corretti per il rischio, e di evitare gestioni miopi o inutilmente
    rischiose".

    Lo afferma il governatore di Banca d'Italia, Ignazio Visco, nel corso di
    una conferenza all'Accademia dei Lincei, aggiungendo che "la
    regolamentazione del patrimonio e della liquidita'" degli intermediari
    finanziari "deve accompagnarsi con un miglioramento dei dispositivi
    interni di controllo dei rischi e con azioni volte a correggere gli
    incentivi a un'eccessiva assunzione di rischio".

    Secondo Visco, "i membri dei Cda e gli alti dirigenti devono avere una
    profonda comprensione della struttura operativa di insieme e dei rischi
    della banca. E' inoltre fondamentale che le autorita' di vigilanza
    esaminino periodicamente le politiche e le prassi di governo societario
    adottate dagli intermediari". Il governatore ha inoltre sottolineato che
    "i premi devono essere legati al conseguimento di risultati stabili, non
    semplicemente frutto di operazioni straordinarie; anche le buonuscite
    devono basarsi in maniera chiara ed efficace sui risultati conseguiti,
    nonche' su una piu' generale valutazione del loro operato; il compenso
    -conclude Visco- deve essere differito per un periodo di tempo sufficiente
    a verificare l'effettiva buona qualita' della gestione".
    vs/ren
    valeria.santoro@mfdowjones.it
    (fine)

    MF-DJ NEWS
    0811:30 mar 2013
    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

  4. #24
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    passare dalle parole ai fatti!!!!
    UTOPIA...
    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

  5. #25
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    Titolo: Banche: Nouy; applicazione addendum slittera', ma preparatevi (milanofinanza.it)
    Ora: 24/01/2018 12:42
    Testo:
    Di Francesca Gerosa (Milanofinanza.it)

    MILANO (MF-DJ)--L'applicazione dell'addendum della Bce sugli Npl
    potrebbe slittare di qualche mese e verra' chiarito meglio il contesto di
    Pillar 2 in cui si inserisce. E' quanto ha dichiarato stamani in un
    discorso a Francoforte, Daniele Nouy, presidente del supervisory board
    della Bce. "L'addendum e' stato sottoposto a pubblica consultazione che si
    e' chiusa a dicembre", ha ricordato Nouy. "Abbiamo esaminato tutti i
    commenti e le opinioni legali che abbiamo ricevuto. Potremmo cambiare la
    data di applicazione e chiariremo il contesto di Pillar 2 in cui si
    inserisce".

    Allo stesso tempo, ha aggiunto, "ci stiamo coordinando con la
    Commissione europea sulla sua proposta per un livello minimo di
    accantonamento prudenziale in base al Pillar 1. L'addendum sara'
    finalizzato nel primo trimestre di quest'anno". Dunque l'applicazione
    dell'addendum potrebbe essere ritardata di qualche mese, ma Nouy non
    smette di incalzare il sistema bancario sul nodo Npl. "Il mio primo
    messaggio alle banche e' questo: fare troppo poco e tardi non e'
    un'opzione percorribile. Portera' sicuramente a maggiori problemi nel
    futuro" per cui il momento di agire e' ora. "Il mio secondo messaggio alle
    banche e' questo: preparatevi per l'addendum".

    E' infatti fondamentale che i bilanci vengano ripuliti quando le
    condizioni sono buone. "Ma a volte, e' solo quando le condizioni
    peggiorano che scopriamo quanto davvero sono puliti. Gli stress test sono,
    quindi, diventati uno strumento importante per verificare la
    vulnerabilita' dei bilanci". Quest'anno l'Eba condurra' un altro grande
    stress test, ha ricordato il presidente del supervisory board della Bce,
    che riguardera' alcune delle banche direttamente supervisionate dalla Bce.

    "Per ottenere un quadro piu' completo", ha indicato, "condurremo un
    nostro test di stress per molte delle banche che non sono coperte dallo
    stress test Eba ma che sono comunque supervisionate direttamente da noi".
    La posta in gioco e' ovviamente alta. Le banche con livelli insufficienti
    di capitale dovranno intervenire per coprire le mancanze. Inoltre i
    risultati degli stress test saranno resi pubblici, quindi "e' probabile
    che i mercati si aspettino che le banche affrontino le loro carenze di
    capitale".

    In terzo luogo, la vigilanza bancaria europea decidera', caso per caso,
    "se le banche che risultano sottocapitalizzate nello scenario avverso
    dovranno ricapitalizzare", ha chiarito. Nel complesso, lo stress test
    sara' "un momento della verita' per le banche". Ripulire i bilanci e'
    fondamentale, ha ribadito Nouy, e aiutera' le banche a rimanere redditizie
    e resilienti e, piu' in generale, aiutera' a ridurre i rischi nel settore
    bancario. "Questo, a sua volta, e' un prerequisito per la creazione del
    terzo e ultimo pilastro dell'Unione bancaria: un sistema europeo di
    assicurazione dei depositi, o Edis. E, nota a margine, la creazione
    dell'Edis potrebbe comportare un'altra revisione della qualita' degli
    asset. Questo dovrebbe rappresentare per le banche un ulteriore incentivo
    a ripulire i loro bilanci".

    Dunque la Bce, secondo alcune fonti interpellate dall'agenzia Reuters,
    posporra' la pubblicazione delle nuove regole finalizzate a risolvere il
    problema dei crediti deteriorati a marzo, mese in cui i supervisori
    dell'Istituto centrale europeo pubblicheranno una prima bozza sulle nuove
    misure sui crediti deteriorati che sono presenti nei bilanci delle banche
    e che rappresentano un grosso problema soprattutto per quelle italiane,
    portoghesi, irlandesi e slovene.

    Questo documento probabilmente definira' soltanto delle linee guida,
    mentre gli aspetti essenziali delle nuove regole potrebbero essere decisi
    nei mesi successivi. D'altra parte "i non performing loan degli istituti
    di credito europei restano un problema", ha affermato, al World Economic
    Forum di Davos, il ceo di Ing, Ralph Hamers, puntualizzando che il
    comparto bancario e' in rafforzamento, ma non sta ancora viaggiando "a
    pieno regime". Per il top manager e' quindi importante che le autorita'
    europee facciano passi in avanti e completino l'Unione bancaria.
    red/cce

    (fine)

    MF-DJ NEWS
    2412:41 gen 2018
    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

  6. #26
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    Titolo: MARKET TALK: banche, MS riduce target price
    Ora: 27/11/2018 16:43
    Testo:
    MILANO (MF-DJ)--Morgan Stanley ha ridotto i prezzi obiettivo sui bancari
    italiani. Su B.Mps (-1,43% a 1,518 euro; rating equalweight) il target
    price scende da 2,3 a 1,6 euro, su Ubi B. (-0,43% a 2,794 euro;
    equalweight) da 3,3 a 2,8 euro, su Intesa Sanpaolo (+0,27% a 2,0456 euro;
    equalweight) da 2,8 a 2,6 euro, su Unicredit (-0,61% a 11,394 euro;
    overweight) da 16,5 a 16 euro, su Banco Bpm (+1,12% a 2,0035 euro;
    equalweight) da 2,3 a 2,1 euro. In una nota sul settore finanziario
    europeo gli analisti citano il rallentamento dell'economia. In Italia,
    poi, resta il focus sulla situazione politica.
    pl

    (fine)

    MF-DJ NEWS
    2716:43 nov 2018
    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

  7. #27
    Data registrazione
    16-09-2007
    Messaggi
    15,882

    Predefinito

    Titolo: Banche: Ue accusa DB, CS e C.Agricole di manipolazione bond Ssa
    Ora: 20/12/2018 17:18
    Testo:
    MILANO (MF-DJ)--La Commissione europea sospetta che Deutsche Bank,
    Credit Suisse, Credit Agricole e un'altra banca si siano messe d'accordo
    per manipolare il mercato obbligazionario, nello specifico quello degli
    Ssa bond.

    Nel dettaglio l'organo esecutivo dell'Ue, che ha avviato l'indagine
    oltre tre anni fa, resta in attesa di informazioni dagli istituti di
    credito che dovranno difendersi dalle accuse. Se giudicate colpevoli, le
    banche potrebbero vedersi comminare una multa fino al 10% delle loro
    ricavi annui a livello globale.

    La Commissione non ha nominato gli istituti di credito, ma Deutsche
    Bank, Credit Suisse e Credit Agricole hanno confermato di essere tra i
    quattro gruppi finiti sotto la lente dell'Ue. Il titolo DB lascia sul
    terreno il 6,18%, quello di CS il 3,28% e quello di C.Agricole il 3,46%.

    L'altro istituto di credito coinvolto potrebbe essere Bank of America
    che ha gia' confermato in passato che le autorita' di regolamentazione
    hanno richiesto informazioni sull'attivita' di trading di bond. BofA
    pero', almeno per il momento, non ha confermato di essere sotto indagine,
    mentre un altro istituto, Nomura Holdings, che era stata indagata nel
    caso, ha puntualizzato di non essere tra le quattro banche.

    "Deutsche Bank ha collaborato proattivamente con la Commissione europea
    in questa materia e non si aspetta una sanzione finanziaria", ha precisato
    un portavoce. "Poiche' l'indagine e' in corso, non possiamo commentare
    ulteriormente".

    Credit Suisse ha invece puntualizzato che il caso riguarda l'attivita'
    di trading di un singolo dipendente che ha lasciato la banca all'inizio
    del 2016. "Non crediamo che i nostri dipendenti siano coinvolti in
    comportamenti anticoncorrenzialie speriamo di dissipare i dubbi della
    Commissione europea", ha aggiunto un portavoce.

    Secondo la Commissione tra il 2009 e il 2015 le quattro banche avrebbero
    scambiato informazioni sensibili e concordato i prezzi dei titoli
    denominati in dollari sovranazionali e sovrani e degli agency bond, noti
    come obbligazioni Ssa. Tali strumenti sono emessi da enti come la Banca
    Mondiale e le agenzie governative europee. I contatti tra le banche,
    sottolinea infine la Commissione, sarebbero avvenuti principalmente
    attraverso chat room online.
    alb
    alberto.chimenti@mfdowjones.it
    (fine)

    MF-DJ NEWS
    2017:17 dic 2018

    Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni...Eleanor Roosvelt

Bookmarks

Bookmarks

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •